FIESSO

Chi siamo La comunità Emmaus di Fiesso Umbertiano è virtualmente nata nel 1995, quando Armanda Colognesi di Rovigo realizzò la volontà testamentaria del fratello Antonio Mario, individuando in Emmaus il più meritevole destinatario del lascito, costituito da 4 ettari di terreno agricolo e da un grande palazzo padronale, attorniato da adeguati servizi, risalente alla fine del '700.
L’Associazione "Comunità Emmaus" di Fiesso Umbertiano, ufficialmente nata nel 1997, accoglie persone in condizioni di difficoltà sociali, economiche ed abitative (senza fissa dimora, ex detenuti, alcoldipendenti, immigrati, ecc.) offrendo con continuità vitto e alloggio presso la propria struttura e predispone l’accompagnamento per tutti gli aspetti medico-sanitari, amministrativi e burocratici.
L’associazione si attiva affinché siano ricostruite, attivate e valorizzate le attitudini di chi vive in Comunità. Dà inoltre la possibilità alle persone e ai volontari, di incontrare realtà differenti organizzando incontri con gruppi Emmaus presenti in tutto il mondo.

Cosa facciamo La comunità Emmaus di Fiesso è un luogo di accoglienza di persone in difficoltà; sono le 15 persone che vivono insieme in comunità e dei volontari a svolgere l’attività di raccolta e selezione del materiale usato che viene donato. La vendita di questo materiale presso il “mercatino solidale dell’usato” permette alla comunità di mantenersi, di rendere un servizio all’ambiente e consente a chi ha poche possibilità di acquistare quanto gli occorre a prezzi convenienti.

La raccolta dell’usato, il riutilizzo ed il mercatino costituiscono inoltre un percorso di reinserimento sociale per le persone accolte talune delle quali hanno l’occasione di svolgere, per la prima volta nella loro vita, una qualche forma di attività lavorativa.

Accoglienza: a chiunque può capitare di smarrire la propria strada, nei modi più diversi: alcoolismo, carcere, rottura dei legami familiari, perdita del posto di lavoro, della casa...
L'
accoglienza è il primo obiettivo della Comunità: offrire uno spazio in cui persone in situazione di bisogno possano fermarsi per tutto il tempo necessario a rielaborare un nuovo progetto di vita.
Chi vive nella Comunità vive del frutto del proprio lavoro; il lavoro è alla base di tutto e diviene momento qualificante di riscatto personale, permettendo alle persone della Comunità di sentirsi artefici della propria quotidianità.

Raccolta: la Comunità Emmaus ritira presso la propria sede o a domicilio del donatore, previo appuntamento, oggetti, mobili ed elettrodomestici, se in buono stato e ancora riutilizzabili, che rivende nel proprio mercatino solidale.
Gli oggetti non recuperabili non vengono raccolti in quanto costituirebbero per Emmaus solo un costo per il loro smaltimento.

Il nostro mercatino solidale dell’usato
Tutti gli oggetti riutilizzabili vengono posti in vendita nel mercatino solidale dell'usato e dell'antiquariato: dalla vendita nel mercatino dipende il finanziamento della vita della Comunità, la sua capacità di accoglienza e il finanziamento di azioni di solidarietà. Il mercatino, in cui si possono acquistare mobili e beni di uso quotidiano con prezzi molto bassi, fornisce un servizio anche a chi si troverebbe in difficoltà ad effettuare gli stessi acquisti in normali negozi.

Il senso del nostro lavoro
Il lavoro della Comunità, basato sul recupero e riutilizzo di materiale usato, educa a pensare che tutto quello che noi scartiamo può avere una seconda vita. È attraverso questo lavoro che cose e persone si danno una seconda opportunità.

L 'attività di Emmaus comprende anche la formazione e l'informazione sul progetto eco-sociale che Emmaus propone come progetto di vita, nonché sulle attività di solidarietà ad esso connesse.
Il lavoro di chi vive e opera in Comunità contribuisce quindi al sostegno di iniziative di solidarietà legate al territorio o gestite da altre comunità Emmaus nel Sud del mondo.

Campi di lavoro
La Comunità organizza presso la propria sede, nel periodo estivo, campi di lavoro per permettere a volontari italiani e stranieri di condividere concretamente i valori e l'attività di Emmaus attraverso la condivisione della vita comunitaria.

Fieri del nostro Orto Sinergico condiviso
Una delle nostre ultime attività nata nel 2015 ha riguardato la creazione di un orto sinergico in comunità. L'Agricoltura Sinergica è un metodo di coltivazione elaborato dall'agricoltrice spagnola Emilia Hazelip ispirata dall’agricoltura naturale di Masanobu Fukuoka. Si basa sul principio, ampiamente dimostrato dai più aggiornati studi microbiologici, che, mentre la terra fa crescere le piante, le piante creano suolo fertile attraverso i propri "essudati radicali", i residui organici che lasciano e la loro attività chimica, insieme a microrganismi, batteri, funghi e lombrichi. I prodotti ottenuti con questa pratica hanno una diversa qualità, un diverso sapore, una diversa energia e una maggiore resistenza agli agenti che portano malattie; attraverso questo modo di coltivare viene restituito alla terra, in termini energetici, più di quanto si prende, promuovendo i meccanismi di auto-fertilità del suolo e facendo dell'agricoltura un'attività umana sostenibile. L’orto sinergico condiviso, nel rispetto della natura e della cooperazione tra piante, terreno e persone rappresenta, anche idealmente, una pratica alternativa e “buona”, aperta a tutti coloro che vogliano parteciparvi. La forma stessa che è stata data a quest’orto in particolare, sottolinea la circolarità delle idee e delle esperienze e dunque onnicomprensiva. Dopo l’ideazione e la preparazione autunnale/invernale dell’orto stesso, perfezionato dalla pacciamatura con paglia e residui vegetali dei curiosi bancali curviformi, a creare ideali cerchi che tutti ci comprendono si è potuto procedere alla prima semina delle più varie essenze. L’orto sinergico è poi completato ed ampliato da numerose piantagioni circostanti di alberature d’alto fusto, anch’esse frutto del lavoro sinergico di giornate condivise e presenta, in avanzato stato progettuale, una serra, un laghetto e percorsi di collegamento, a completamento di un luogo ameno che lascerà, nel tempo, una bellissima impronta di Comunità, aperta in tutti i sensi."

Unità di strada “Emmaus Incontra”
La nostra associazione collabora dal 2002 come co-fondatore con il Comune di Rovigo e altre associazioni della rete territoriale per i senza dimora all’interno di un progetto di servizi per la prima accoglienza (pasto, letto, servizi igienici) per le persone senza fissa dimora e/o in situazioni di povertà estrema. La nostra comunità Emmaus, mediante l’utilizzo di un camper effettua un’attività di monitoraggio e lavoro sulla strada nel periodo invernale attraverso il pronto intervento di servizio ai senza dimora.

L’obbiettivo di questa attività è quello di offrire alle persone senza dimora un punto di ascolto, la distribuzione di generi di prima necessità e l’eventuale inserimento dei senza dimora in strutture competenti.
La cosa straordinaria è che questo servizio viene svolto dalle stesse persone che vivono nella nostra Comunità Emmaus di Fiesso e da volontari che insieme si mettono al servizio per donare alimenti, bevande calde, coperte e informazioni sui servizi del territorio. In questo si ritrovano i valori di Emmaus, della condivisione e della accoglienza.
Così come il Movimento Emmaus è nato da un incontro, abbiamo voluto chiamare questo progetto “Emmaus Incontra”.

Laboratori del “Saper Fare”
La nostra associazione organizza da qualche anno dei laboratori di autoproduzione ispirandosi alla “Decrescita Felice”.

Il Saper Fare è il recupero di un insieme di pratiche tradizionali, che oggi sotto la stretta della crisi economica e dell’emergenza ecologica planetaria, risponde a una precisa strategia collettiva. Si tratta di una risposta chiara e praticabile, alla portata di tutti e grazie alla quale ogni singolo individuo può agire in modo immediato, concreto e diretto per migliorare la propria condizione e il proprio rapporto con l’ambiente, modificando progressivamente il proprio stile di vita in modo anche divertente, coinvolgente e sicuramente economico (piacere di far le cose, manualità, coscienza ambientale, lavorare insieme, recupero delle pratiche del passato ma non solo) . Il  Saper Fare è la possibilità che ogni persona possiede di intervenire e di agire direttamente sulla Terra con basi eco-sostenibili. Il Sapere e il Saper Fare dimenticati, quelli che vengono spesso considerati arretrati e poco scientifici, sono invece strumenti importanti per liberare gli individui dalla dipendenza assoluta dalle merci e dal mercato. La situazione economica, sociale ed ecologica a cui stiamo andando incontro richiede una compartecipazione di molti, disponibili ad inventare e ad applicare nuovi stili di vita, capaci di soddisfare in profondità anche le necessità esistenziali delle persone, nel rispetto e nella collaborazione con gli altri individui e con la Terra.
Come gruppo facente parte del Movimento Emmaus (un movimento che lotta anche per la difesa dell’ambiente e per l’eco-sostenibilità), cerchiamo di diffondere il pensiero della decrescita e avvicinare le persone concretamente, attraverso la pratica di piccole azioni individuali quali l’autoproduzione di beni e lo scambio secondo la logica del dono.

È per questo motivo che organizziamo ormai da tempo all’interno della nostra Comunità dei laboratori del “Saper Fare” per costruire una rete di legami e un senso di convivialità che sembra perso in una società fondata sulla concorrenza e la competizione. I nostri laboratori possono essere uno strumento utile per tutti coloro che vogliono cambiare il loro stile di vita, possono essere un occasione di incontro e confronto di idee utili a rafforzare la diffusione di buone pratiche e scambio di saperi.
I laboratori di autoproduzione che abbiamo organizzato fino ad ora sono stati:

- L’impagliature delle sedie
- La pasta fatta in casa
- Il riciclo e il riuso per la bigiotteria e l’oggettistica di carta
- Il riciclo e il riuso per la bigiotteria e l’oggettistica con uncinetto
- Il cartonaggio creativo per la rilegatura dei quaderni
- Sartoria
- Prodotti per proteggere e profumare la biancheria
- Prodotti per la persona e non.
- Il sapone naturale
- Cesteria
- Borse con stoffe di riciclo
- Marmellate e gelatine
- Costruiamo la casa con fibra di legno
- Aggiustiamo la bicicletta
- Scambio di semi e piante
- Borse con stoffe di riciclo
- Riciclo creativo di pizzi e merletti


Fiesso Umbertiano | Comunità

Via Trento, 297
45024
Fiesso Umbertiano RO
Tel. 0425 754004
www.emmausfiesso.it
emmausfiesso@gmail.com

Mercatino solidale dell’usato
Via Maestri del Lavoro, 5
S. Maria Maddalena (RO)
martedì e giovedì 15.00/18.00
sabato 9.00/12.00 - 15.00/18.00