PIANO POLITICO

Assemblea Mondiale Emmaus 
Parigi, settembre 1996
Impegni sul piano Politico

Perché la nostra opzione per una società giusta e solidale si realizzi, noi ci impegniamo: 

ad appoggiare le azioni concrete degli esclusi e degli oppressi per un cambiamento della nostra attuale società che emargina ed ignora i più deboli: 


· tenendo conto delle realtà sociali, economiche, politiche e culturali che ci circondano;

· camminando insieme, affinché gli esclusi e gli oppressi trovino loro stessi le soluzioni ai loro problemi vitali;

· denunciando, sempre ed in tutti i modi, le ingiustizie sociali ed i sistemi che generano la miseria e l'esclusione; 

· proponendo un'alternativa sociale che interpelli la coscienza dell'Umanità, dimostrando che non si può rimanere indifferenti, e che un mondo solidale è possibile, valido, conveniente e stabile per tutti;

· suscitando e cercando alleanze con organizzazioni, movimenti o federazioni che condividono le nostre convinzioni, in modo da costituire un fronte comune di azione e di pressione per la difesa dei diritti di tutti e soprattutto dei più deboli.



Per creare 'spazi di giustizia' ove realizzare le azioni che mirano alla distruzione delle cause della miseria, noi ci impegniamo:



· a fare delle nostre Comunità, il primo spazio di giustizia, 

ad aprirci sempre più alla realtà sociale in cui viviamo e ad agire contro ogni forma di esclusione, 


· a protestare contro ogni ingiustizia sociale, per non esserne complici col nostro silenzio, 


· a coscientizzarci per il necessario sostegno da garantire allo sviluppo ed all'incremento dei gruppi e delle azioni sociali, all'interno ed all'esterno del Movimento,

· 

ad unirci ad altri o ad attivare in proprio adeguate azioni di formazioni, educazione e formazione professionale, 


· a lottare per una legislazione più umana che permetta lo sviluppo della solidarietà tra gli Uomini, 


· a lottare per la creazione, al limite delle leggi, di spazi di legalità che permettano, comunque, a tutti, anche alle minoranze, la salvaguardia dei propri diritti primari.